Axe

Axe

Super Walls

Different Media Productions
Photo credits: Different Media Productions
Photo credits: Different Media Productions
Photo credits: Different Media Productions

Padova – MAAP (Zona Industriale)
opera su muro

Sul muro del MAAP Axe ha dipinto un volto indagatore e una bambina che soffia le bolle. Accanto alle due figure campeggia la frase “I don’t want your hope”, che significa “non voglio la vostra speranza”. Si tratta di una citazione tratta da un discorso molto famoso pronunciato dalla sedicenne svedese Greta Thumberg, che è diventata in poco meno di un anno il simbolo e la rappresentante più conosciuta del nuovo movimento ambientalista studentesco.

Biografia

Origini bolognesi, nasce nel 1974. Vive a Padova. Diplomato in grafica pubblicitaria, muove i primi passi sulla scena artistica negli anni ’90 tra Writing, Aerosol-art e la frequentazione dell’Accademia di Belle Arti di Venezia. Nello stesso periodo entra a far parte della crew EAD e partecipa a varie edizioni di eventi artistici nazionali e internazionali.

“Dipingere per me è sempre stata un’esigenza – spiega l’artista – sin da piccolo disegnavo su qualsiasi superfice. Le prime indicazioni tecniche me le ha date Giuseppe Siccardi, pittore amico di mio padre, che è stato forse il primo a incoraggiarmi e a trasmettermi la passione per l’arte”. Questa vocazione artistica si è poi declinata nell’esplorazione di diverse dimensioni espressive: oltre alla pittura, Axe si è dedicato alla scultura, alla modellazione e alla musica.

Il suo stile si è evoluto in anni di studio della tecnica di pittura a spray o Aerosol-Art.
Negli anni ha elaborato un lettering grafico in stile 3D, in cui le lettere sono formate metaforicamente da nastri che, come linee di inchiostro tracciate a pennino, si staccano dallo sfondo contorcendosi in una danza armonica di linee arcuate e colori.

Queste esperienze lo hanno portato a creare immagini composite, sia dipinte sia modellate in argilla, che confluiscono in progetti come Talking Letters, “Lettere Parlanti”, che rappresenta un punto di incontro tra lettera scritta, immagine e concetto interiore di lettera. Oggi Axe dipinge su differenti supporti e formati, dalle tele di piccole dimensioni a pareti di edifici residenziali e industriali. Predilige il genere figurativo con anatomie umane, specialmente volti femminili, giocando tra colori anche irreali su di uno sfondo che affiora mangiando parti di immagine.

Torna su